Vale Lambo e Lele Blade con Yung Snapp formano Le Scimmie in Eldorado.

L’unione di questi tre individui forma un mix di sensi e di suoni molto interessante, fresco ed elaborato. I tre ragazzi, dopo vari video su YouTube diventati virali, si sono uniti alla schiera di artisti sotto contratto con la Dogozilla di Don Joe. Lambo e Blade, infatti, sono i primi rapper insieme a Vegas Jones a prendere parte al già ricco di beatmaker roster dell’etichetta.

Scommessa fatta ,scommessa riuscita. I due rapper napoletani, come da tradizione della città, sono molto promettenti dal punto di vista musicale. Eldorado è un album coeso, unito e pieno di spunti.

Le sonorità sono ambientali e vibranti, i bassi e i suoni sono coinvolgenti, il sample tutto “Dragon Ball” che appare frequentemente è stile. Insomma ascoltare i beat dal primo all’ultimo ti porta a fare un viaggio interiore molto ma molto piacevole. Complimenti a Yung Snapp e chi ha contribuito, perchè è riuscito a rendere il risultato finale molto accattivante.

Parliamo dei due rapper adesso: il duo si presenta come un pacchetto originale e fresco. Lele Blade ha un fattore rime e punchline che danno un gusto street e grezzo al progetto, già di per se bello deciso. Vale Lambo porta tutto un fattore melodico che apporta al disco una musicalità piacevolmente azzardata. Lambo sa rappare e cantare, no problem.

Il disco è imbottito di riferimenti alla strada, ai vizi, ai problemi e alla quotidianità napoletana. Andiamo da Pront Chi Sij a M.O.E.T; si parla di abitudini e scene di chi la strada la vive, con i suoi pro e i suoi contro.

“Tagliamm e cosc a chi cant”

Pront chi sij, appunto, è una bomba. Il ritornello è incredibilmente intrigante, i due rapper perfetti. Eldorado è la più grande affermazione di stile del disco e sembra urli “noi siamo qui” alla scena. M.O.E.T è un altro proiettile: spogliati, stappa uno champagne e mettiti a bordo piscina a pomparla.

Izi impreziosisce la grezzata WeWe, traccia dal super ritornello incorporato. Nun Ce Ne Sta è il momento più dark e cupo del progetto, ma ci sta. Maradona e Mia (feat Ntò) sono un onesto collegamento per arrivare a Lady Gaga, ospite Vegas Jones. Quest ultimo è il pezzo più imbottito di tritolo del album, un rullante di cazzotti nei denti, punchline e sound scintillante.

Le ultime due tracce del disco, Famm sta Tranquill (feat un super Clementino) e Salutm e Guagliun, sono una conclusione dai toni più oscuri e minacciosi. L’ultima traccia soprattutto è veramente consigliata fino all’ultimo secondo.

In conclusione il disco è ricco e piacevole. La proposta è veramente fresh, unica. La qualità della supervisione di uno come Don Joe si sente. Considerato il fatto che è il primo progetto di una certa caratura, l’esito è molto più che interessante. Se volete qualcosa di ancora mai sentito in Italia e cool  consigliamo l’ascolto e il download di eldorado (qui). #Sayan 

Cosa dicono gli autori...

80%

Questa è merda seria!

Le sonorità sono pazzesche. I due rapper riescono ad essere se stessi senza pestarsi i piedi. Sicuramente tra le novità dell’anno. Questo disco mi fa volare! 

73%

Uno specchio della realtà napoletana di periferia

Dopo un esordio così sono sicuro che ne sentiremo ancora parlare, e tanto. Un lavoro ben riuscito. Mi sento in dovere di riservare una nota speciale alla produzione di Yung Snapp, una bomba! 

82%

Le scimmie sono impazzite e hanno scatenato tutta la giungla!

Vale Lambo, Lele Blade e Yung Snapp una bella scommessa per Don Joe ma ben riuscita a mio parere. I beat di Yung Snapp sono molto freschi e non ti stancano mai di ascoltarli, mentre Vale Lambo e Lele Blade insieme creano un’armonia perfetta da far suonare ogni pezzo in una maniera incredibile. I featuring non sono da poco visto che abbiamo Jake La Furia, Izi, Ntò, Vegas Jones e per finire Clementino. Davanti a questo album non mi resta che congratularmi.