Click here for the English version.

Nadia Stone è uno dei nomi caldi del momento, in Italia e all’estero. Italo jamaicana (ma residente a Toronto) ha fatto della multi-etnicità la sua forza. Stretta collaboratrice di Laioung e della RRR Mob, la cantante sta facendo parlare di sè in più stati del globo con il suo ultimo singolo “No Limits” (girato a Milano da RRR Films). Tra una chiacchierata e l’altra abbiamo deciso di rendere partecipe il pubblico delle molte cose dette, informazioni finora poco diffuse in Italia. In questa intervista abbiamo parlato di svariati temi: dalla sua musica alla famiglia, dai progetti ai suoi artisti preferiti.

  • Spiegaci lo stile “Nadia Stone“.

Lo stile “Nadia Stone” è il suo andare avanti per la propria strada. E’ un artista femminile che non ha paura di prendersi rischi e fare pezzi che comunemente sono dominati dagli uomini, eppure è ancora in grado di toccare tonalità morbide e misteriose.

Ho ancora una voce dolce e sentimentale. La mia musica è basata al 100% sulle esperienze che faccio nella vita. Il mio segno zodiacale è il cancro, “il granchio“. Il granchio ha due lati: un guscio duro all’esterno e una parte soffice all’interno . Questo è esattamente il mio stile quando si è sviluppato dalla mia musica, è la mia personalità.

  • Quando hai iniziato a cantare?

Ho iniziato a cantare all’età di sei anni.  Al tempo ero nel settore professionistico dello skating e stavo gareggiando in tutto l’Ontario. Durante i miei anni da teenager ero convinta di volermi concentrare esclusivamente sulla musica. Allora ho deciso di lasciare lo skating per dedicare tutto il mio tempo alla musica. Nessun rimpianto!

  • Parlaci dei tuoi sentimenti per l’Italia.

L’Italia è come una casa per me. Io sono mezza italiana e mezza jamaicana. Mia madre è pugliese, di Foggia e mio padre è jamaicano, di Ocho Rios. Ho visitato l’Italia molte volte. Ho ancora una famiglia in Italia. La mia città preferita ad ora è Milano, perchè ho fatto esperienze bellissime: vi ho registrato due dei miei video musicali e parte del mio lavoro più produttivo è stato fatto nello studio RRR Mob a Milano. Adoro la cultura italiana e qua mi sento sempre a casa. Toronto ha una “little italy“, ma niente batte l’autenticità di essere veramente in Italia.

  • Com’è lavorare con un producer come l’italiano Big Fish?

Lavorare con Big Fish è stato fantastico! Ha molto talento e professionalità. E’ stato un onore, amo i suoi beat! Vorrei collaborare ancora con lui in futuro. Stay tuned!

  • Quanto la scena hip hop italiana è simile a quella americana?

Lo swag dei rapper italiani e americani è molto simile. Entrambi adorano i migliori stili e le migliori marche. Gli americani si sono appassionati alla cultura italiana, ai film, alle macchine e alle marche per un decennio. Io credo che entrambi questi stili di rap siano simili quando si tratta di beat martellanti, beat trap ecc. Entrambi inoltre trattano argomenti e emozioni personali, della loro vita.

  • Chi sono i tuoi artisti preferiti Ita e Usa?

Gli artisti americani: Travis Scott, Aaliyah, Kanye West, Kehlani, New Edition, Boys II Men, Bryson Tiller, Rihanna, Musiq Soulchild, The Weeknd, Tory Lanez, Chris Brown…e potrei continuare.

Gli artisti italiani: Laioung, Emis Killa, Larry Joule, DPG, Tedua, Izi, e Vegas Jones…solo per citarne alcuni.

  • Raccontaci il tuo background.

Il mio background è italiano e jamaicano. Al momento vivo a Toronto in Canada. The “six” ahaha.

  • La collaborazione dei tuoi sogni e perchè.

La collaborazione dei miei sogni sarebbe con la grande cantante Aaliyah. L’ho sempre vista come una fiamma gemella. Stili musicali molto simili, il ruolo di attrice che ha scelto è simile a quello che sceglierei io. Sento che lei sarebbe potuta essere una persona con cui avrei passato molto tempo. Lei era dolce, misteriosa…aveva quella sensualità fine, di classe. Mi piace pensare di esserle simile.

  • Quale è il tuo team di lavoro? Spiegaci come hai incontrato Laioung.

Laioung stava lavorando a della musica a Toronto quando ci siamo incontrati un anno fa. Lui è SUPER talentuoso! Dal momento in cui ci siamo stretti la mano nello studio, abbiamo capito di avere una connessione musicale e abbiamo iniziato a lavorare insieme. Siamo entrambi mezzi italiani e mezzi di colore. Questo è molto raro, è splendido incontrare qualcuno che ti capisce musicalmente e personalmente. Laoiung ed io stiamo ancora lavorando insieme. Abbiamo una canzone da droppare molto presto, si chiamo “No filter“.

  • Cosa pensi che HipHopTender possa dare alla scena hip hop?

HipHopTender sta già dando qualcosa di nuovo al gioco, intervistando artisti come me che vogliono collegare l’Italia, Toronto e gli USA. Continuate a spingere nuova musica internazionale per le persone, intervistando artisti di ogni tipo e aggiornandoci su tutte le mode e le influenze della strada.