L’hip hop italiano sta ingranando un’ascesa mai vista prima d’ora. Le città che infiammano la scena si moltiplicano, da Nord a Sud. Ed è proprio al Sud che spesso e volentieri l’embrione dell’ hip hop decidere di crescere, una città su tutte: Napoli. Luchè, Coco, Ntò, 365 Muv, Moderup sono solo alcuni dei nomi che stanno trainando la scena partenopea. Una nuova generazione di artisti giovanissimi napoletani sta salendo in cattedra con un suono freschissimo (spesso il più internazionale messo a confronto con le altre città italiane), ispirato alle influenze più new americane e francesi. Il prodotto di tutto questo ha un nome e un cognome. Ecco a voi l’HHT x 5: Christian Revo.

  • Quali sono le tue influenze? Cosa ascolti ultimamente?

    Ascolto per lo più rap americano e tutte le nuove uscite. Seguo molto artisti come Tory Lanez, Travis Scott, The Weeknd, ma sono molto affascinato anche dalla scena techno, non ascolto solo rap.

  • Chi sono i tuoi collaboratori, i tuoi soci?

    I miei soci sono i miei fratelli, Cookie Gang. Un’organizzazione sotto la produzione di Cama’Ldo School.

  • Come vivi la scena della tua città?

    Ho stretti rapporti solo con chi ho reputato vero, posso dire che le cose si stanno muovendo in modo diverso. I giovani finalmente si stanno facendo sentire e il resto della scena sembra accettare e capire l’evoluzione.

  • Spiegaci il concept attorno ai pezzi che sono usciti ultimamente

    Quando ho scritto il disco non ho pensato ad un vero e proprio concept, onestamente. Non mi sono imposto nulla. Ho semplicemente scritto quello che stavo vivendo, senza nascondere alcuna verità. Il mio modo di vedere le cose.

  • Cosa dobbiamo aspettarci da Christian Revo adesso, cosa uscirà?

    È passato un po’ dall’ultimo video. Ad Aprile uscirà il video di “TU” estratto da Toggiur. Per il resto ho molti singoli e featuring in cantiere che non vedo l’ora di fare ascoltare.