Ci sono situazione, storie bellissime nell’Hip Hop italiano. Una di queste vede un produttore importante, affermato come DogsLife (produttore di No Face Agency e che lavora tra gli altri con Achille Lauro) prendere in “custodia” dei ragazzi giovanissimi, talentuosi direttamente “dalla strada”, dove molti degli artisti della nostra scena sono cresciuti, per farli poi sbocciare e renderli dei professionisti. Uno di questi è veramente potente. Ecco a voi l’HHT x 5: Master Code.

  • Ciao Master Code, come hai conosciuto Dogslife?

Ho conosciuto Dogslife grazie al gruppo con cui lavoro (NCS) abbiamo cominciato a registrare delle tracce da lui e ogni tanto gli portavo delle mie produzioni e lui sentendole rimase stupito e da lì cominciai ad andare al suo studio per conto mio per lavorare con lui diciamo. Ancora adesso mi chiedo cosa abbia visto in me (ride).

  • Quando hai cominciato a suonare?

Allora ho cominciato a suonare che avevo 11 anni. I miei genitori mi regalarono la mia prima tastiera, ancora non sapevo usarla però spingevo tasti a caso suonando le melodie che avevo in mente, poi con il passare del tempo ho scoperto dei  programmi con cui potevo lavorare e da lì è cominciato tutto.

  • Parlaci un po’ di Dogslife com’è con te e soprattutto  come ti senti te a lavorare con lui?

Francesco per me è come un padre anche se lo conosco da solo un anno lui è una delle poche persone che ha creduto da subito in me. Poi penso sia l’unico in Italia a fare quello che sta facendo con me, è una persona dal cuore d’oro e se ora sono come sono devo molto a lui è allo studio dove sono stato accolto sin dal primo giorno come fossi a casa. Ora basta sennò gli faccio scendere la lacrima.

  • Hai progetti in futuro e se si anche con Dogslife?

Ehhh vorrei ma non posso dirvi nulla. Posso dirvi solo che a breve faremo chiudere tutti gli studi per fallimento.

  • Come è cambiata la tua vita con No Face? Raccontaci un aneddoto.

    Beh no face per me è e sarà un trampolino di lancio. Prima di conoscere loro ero un autodidatta. Da un anno a questa parte mi sono accorto di esser cambiato sia al livello produttivo che a livello personale grazie al loro aiuto. Il mio consiglio è di credere sempre in quello che si fa senza mai mollare e una cosa che contraddistingue noi produttori è l’originalità ed in NO FACE questa non manca.