Anche questo mese non poteva mancare l’appuntamento di Hip Hop Tender con il Rap francese. Eccoci a fare il resoconto di tutte le migliori uscite del mese di Novembre, trenta giorni in cui ne sono successe di tutti i colori: anche a questo giro tantissimi album, altrettanti video e una raffica di curiosità e gossipate degne di nota. Vi anticipiamo solo che il Belgio ha scelto Damso per l’inno dei Mondiali 2018 in Russia, decisione che ha letteralmente scatenato un putiferio. Ma non perdiamoci in chiacchiere e partiamo comme d’hab (“come al solito” in slang francese) con gli album usciti questo mese.

Novembre si è aperto alla grande con “Dozo”, il nuovo progetto di Kaaris. Uscito Venerdì 3, l’album era stato anticipato dai potenti estratti “Dozo”, “Kebra”“Je suis gninnin, je suis bien”, tre assaggi che avevano fatto subito venire l’acquolina in bocca ai fans di Kaaris. L’artista nativo della costa d’Avorio non ha affatto deluso le attese e con un disco di ben 16 tracce ha mantenuto alta la sua reputazione. All’interno di “Dozo” troviamo i soli feat di Kalash Criminel e Sofiane, entrambi nel singolo “Bling Bling” di cui ne è uscito recentemente anche il video. Tra jet privati e riprese street, i tre rappano il pezzo con stile, pronti a sbancare tutti i club francesi con questo super banger.

Una settimana dopo è toccato ai giovani MMZ (Mini Mafia Zoo), collettivo composto da Lazer Moha, che ha pubblicato il suo nuovo album “N’DA”. I due artisti del dipartimento di Essonnes tornano dopo il successo del 2016 col progetto “Tout pour le gang” e confermano senza dubbio le loro enormi potenzialità. Spinto dai fratelli maggiori dei PNL, il duo in meno di due anni ha creato le basi per un futuro roseo, tra street hit e sonorità cloud. All’interno di “N’DA” troverete successi come “Ma bulle”, “Pardon” e “Orion”, con quest’ultimo uscito anche sul tubo con tanto di video ufficiale.

Novembre è stato anche il mese del ritorno di Lacrim. Venerdì 17 è infatti uscito “R.I.P.R.O. 3”, terzo capitolo della sua serie di tape e suo secondo progetto del 2017. Dopo essere uscito di galera il rapper franco-algerino aveva pubblicato “Force & Honneur”, album dove tra l’altro figuravano anche i nostri giovani talenti Ghali e Charlie Charles, per poi tornare verso fine anno con questo nuovo mixtape. Tra i tanti feat del disco spiccano i nomi di Damso, Ninho, Maitre Gims e Mister You, oltre che quelli di tanti altri artisti che si sono mostrati sicuramente all’altezza.

Oltre ad aver rilasciato “R.I.P.R.O. 3”, in questo bollente Novembre Lacrim ha annunciato anche un’importante news: presto sarà disponibile la seconda stagione della serie incentrata su di lui. Chi segue questo artista saprà sicuramente a cosa ci riferiamo, per gli altri cerchiamo di fare chiarezza subito. Qualche settimana dopo esser stato scarcerato, Lacrim decise di raccontare gli ultimi giorni in prigione ed i successivi da libero girando una web serie. Non si tratta tanto di un documentario, piuttosto una cosa più alla Gomorra ma ispirata al suo personaggio. Guardando i vari episodi su Youtube avrete sicuramente un’idea più chiara. Ecco, presto sarà disponibile il sequel di questa mini serie e potete ben immaginare l’hype che questo annuncio ha creato.

Ma torniamo a parlare di album. Il 24 Novembre è uscito “Gentleman 2.0” di Dadju, nonché il fratello di Maitre Gims. Il disco presenta un sound molto più pop e melodico rispetto agli artisti che citiamo di solito, ma quella di Dadju è una figura strettamente legata alla scena Rap francese e le collaborazioni del progetto lo testimoniano in pieno: Niska, Alonzo, Naza, KeBlack, S.Pri Noir e tantissimi altri ancora. Si tratta del suo esordio discografico da solista, in quanto in genere ha sempre lavorato con Abou Tall col quale è parte del duo The Shin Sekai“Gentleman 2.0” è stato lanciato da una serie di estratti che sono andati decisamente bene su Youtube, vedi “Reine” e “Ma fiertè”, rispettivamente a 30 e 10 milioni di views.

In questo ricco Novembre sono uscite anche le riedizioni di “Eternel insatisfait” e “La vraie vie”, rispettivamente gli album di Black M e di Bigflo & Oli. Il primo artista, come già vi anticipammo nell’editoriale sul mese di Ottobre, porta con sé suoni pop e mainstream, nonostante un passato molto Hip Hop col collettivo Sexion d’AssautBigflo & Oli sono invece due fratelli multi-platinati di Tolosa, famosi soprattutto per i loro storytelling di fattura pregevole.

Chiudiamo il capitolo album citandovi altri progetti che meritano senza dubbio di essere menzionati, sia per la loro proposta che per i buoni risultati che hanno ottenuto. Non potevamo infatti omettere “Pilote” di Doums, “Accusé de reflexion” di Davodka, “404 Error” del collettivo XV ed il ritorno di Kekra con “Vreel 3”. Particolarmente interessate è stato anche il progetto “Trap ‘N Roll” di Kpoint.

È il turno dei video usciti questo mese. Come al solito ne sono stati pubblicati una serie infinita, tanto che farne una selezione è stata dura, ma ve ne citeremo comunque una bella raffica.

Oltre ai video che già abbiamo citato parlando degli album, Novembre ha visto delle clip davvero interessanti. Zeguerre ha pubblicato sul canale Youtube di Daymoliton “LMDLV”, un brano esplosivo che mette in luce il suo talento cristallino e sulla stessa piattaforma è uscito anche Badjer con “La Dose 4”. Se questi due singoli sono carichi di rabbia e adrenalina, i brani “Vendeurs de reves” e “Sans probleme” rispettivamente di KeBlack e Naza ci portano invece in un trip di sonorità afro molto hyppate in Francia. Sempre su questo filone vi segnaliamo la nuova hit di Abou Debeing “Pas Bon”, un pezzo tutto da ballare che viaggia già sulle 4 milioni di views su Youtube.

Continuando sul fronte clip ufficiali, Marsiglia si è fatta trovare pronta come suo solito. Jul ha pubblicato il video di “Mauvaise Journée” portandoci a giro per i meravigliosi paesaggi della sua città nativa, mentre YL ha rilasciato “Mon barrio”, un brano che prova le sue ottime skills. Alonzo ha invece pubblicato l’inedito “Dans le jeu”, singolo rilasciato in esclusiva per il documentario “Le K Benzema”. Spostandoci dal 13 al dipartimento 93, interessante è la clip di “Maghrebin”, singolo di Hornet La Frappe estratto dal suo ultimo progetto “Nous-memes”. Fresco di disco d’oro, il rapper di origini algerine ha rilasciato uno dei pezzi più toccanti del suo album, un singolo pieno di significato rivolto ai suoi connazionali.

Con un doppio platino in tasca, Orelsan ha rilasciato su Youtube “Tout va bien”, traccia estratta dal suo ultimo album. Al contempo PLK dei Panama Bende è uscito con il video ufficiale di “Yeux” e ancora Siboy che ha spaccato tutto con “Par ici”. Ovviamente parlando di clip non possiamo non citare “Rentre dans le cercle”, la web serie condotta da Sofiane che sta infuocando il panorama Rap francese: al centro di un cerchio fatto da artisti, producer e giornalisti, si esibiscono uno ad uno i rapper più caldi della scena, a rappresentare tutta la Francia in lungo e largo. Questo mese sono stati caricati altri due episodi e adesso in tutto se ne contano nove, in attesa del decimo che potrebbe regalare qualche sorpresa inedita.

Chiudiamo il capitolo video parlandovi di Moha La Squale, giovane rapper del 20eme arrondissement di Parigi. Si tratta di una delle promesse più calde del Rap francese, uno di quegli artisti che piacciono un po’ a tutti, dagli addetti ai lavori, passando per il pubblico, fino ai colleghi artisti. Come suo solito, anche questo mese Moha ha rilasciato ogni Domenica un freestyle su Facebook: una super produttività che ha creato un vero e proprio appuntamento fisso per i fans del genere. Oltre alle indubbie qualità tecniche, di Moha colpisce la sua genuinità, un fare molto spontaneo che le sue clip evidenziano bene. Le grandi etichette discografiche hanno fatto a gara per accaparrarselo, con Elektra France (filiale Warner) che ha vinto al traguardo. Ne sentiremo parlare presto.

#LaSquale “T’étais ou?” 18h la miff

Un post condiviso da Mohalasquale (@mohalasquale) in data:

Ma adesso è arrivato il momento delle curiosità, dei rumors, il momento di tutte le gossipate che hanno tenuto banco questo mese. Si parlerà di Mondiali, casi di plagio, di NBA, del tour dei PNL e di tanto altro ancora. Prima di partire vi ricordiamo due importantissime uscite per il mese di Dicembre: “Trone” di Booba e “La tete dans les nuages” di Jul. Entrambi sono usciti questo Venerdì 1, ma ne parleremo abbondantemente il prossimo mese con le migliori uscite di Dicembre.

Partiamo da Ninho e la rimozione del suo pezzo “Caramelo” da tutte le piattaforme streaming. Il brano estratto da “Comme prevu”, terzo album del giovane rapper tra l’altro già platino, usava un sample preso da “Anything you Synthetise” degli American Dollar. Niente di strano, se non che il sample non era dichiarato e dunque l’artista è stato sanzionato con la rimozione della traccia da tutte le piattaforme, plagio o ispirazione che fosse. Peccato perché era davvero un pezzo ottimo ed importante nell’economia del disco. Ninho si è però consolato col calore dei propri fans, soprattutto quando è cominciata a circolare una sua foto con MHD: feat in arrivo? Pare proprio di sì, magari sul secondo album solista del king dell’afro-trap. Andrebbe ad aggiungersi a collaborazioni davvero risonanti come quelle con i vari Drake, Skepta, Stormzy e Celine Dion, tutti ancora da confermare.

@mhdofficiel @ibra50k ✍🏾✅

Un post condiviso da Ninho Sdt (@ninhosdt) in data:

Questo tra l’altro è stato un mese bello caldo per MHD, i media francesi gli hanno infatti dedicato parecchi titoli. Il rapper del 19eme arrondissement, ambasciatore della Puma, è stato protagonista dello spot per la presentazione delle nuove maglie del Cameroon. A ritmo della sua hit “Roger Milla”, il giovane artista ha riproposto l’esultanza dell’omonimo calciatore camerunense in un super spot pubblicitario in vista del Mondiale 2018 in Russia. Non solo pubblicità però per MHD, perché stando ad un suo ultimo tweet pare che voglia lanciarsi anche nel cinema, come già Nekfeu, Orelsan, Sofiane e tanti ancora hanno fatto. Immaginate la risonanza che ha avuto questa news. Tuttavia Novembre non è stato solo questo per MHD, il parigino ha anche fatto parlare la musica, rilasciando una breve anticipazione del suo prossimo singolo forse intitolato “Vroom vroom”. Insomma, MHD sa bene come far parlare di sé.

Da una news passiamo ad un’altra, perché questo mese si sono tenuti gli NRJ Music Awards. Tra una marea di ospiti internazionali e francofoni di spicco, Bigflo & Oli si sono portati a casa il premio come “Miglior duo francese dell’anno”. Un riconoscimento importante per i due fratelli di Tolosa, già platino con l’album “La vraie vie”. Nel frattempo, durante una data a Parigi, Sofiane ha annunciato il suo nuovo album “Affranchis” per Gennaio 2018. Fianso è pronto più che mai a spaccare tutto nel nuovo anno.

In NBA intanto pompano forte il Rap francese, basti guardare qualche pre-partita o le esultanze dei cestisti. Clint Capela dei Rockets ha infatti esultato alla Matuidi Charo, citando per così dire Niska e gli stessi Rockets si sono divertiti a ballare sulle note di MHD.

On fait le mouv chez les Rockets 👀 #HoustonRockets #Nba #FaisLeMouv #M

Un post condiviso da MHD OFFICIEL (@mhdofficiel) in data:

Continuiamo a parlare di sport riprendendo in mano il capitolo Mondiali 2018, perché la federazione belga ha scelto Damso per l’inno ufficiale dei diavoli rossi. Ovviamente non si tratta dell’inno nazionale, quello rimarrà intatto, ma della “canzone ufficiale” in vista dell’esperienza in Russia, un po’ come a noi toccarono i Negramaro qualche anno fa. Come vi avevamo anticipato, questa decisione ha alzato un polverone immenso. Secondo l’opinione pubblica il rapper userebbe un linguaggio troppo violento nei suo pezzi, addirittura è stato descritto da alcuni esponenti come un sessista, uno che incita alla violenza e all’uso di droghe. Damso se ne è fregato e la sua unica risposta è stata ripostare un video di NRJ in cui viene spiegato perché scegliere Damso è stata una buona scelta: “perché il Belgio non è solo Stromae e perché questa estate ci ha fatto ballare tutti”.

Prima di concludere mostrandovi le migliori foto del tour dei PNL, partito e consumatosi tutto in questo Novembre, facciamoci un attimo seri. Questo mese infatti molti rapper francesi sono scesi in piazza, mobilitandosi davanti l’ambasciata libica. In molti artisti, Niska su tutti, hanno protestato contro la schiavitù in Libia, mostrandosi solidali ad una causa importantissima. Trovi il video della manifestazione qui.

Vi lasciamo come promesso con le foto del tour dei PNL, tra la giungla che hanno montato come scenografica ed il magnifico colpo d’occhio di questi scatti. Ci vediamo ad inizio Gennaio con le migliori uscite del Rap francese nel mese di Dicembre.

by Samuele Chiusano