Mandate indietro il nastro e tornate all’8 Ottobre del 2016. Siamo al Fabrique di Milano. Va in scena il party Hip Hop Tv Free. Sul palco tutte le punte di diamante della nuova scena italiana: Ghali, Izi, Sfera Ebbasta, Charlie Charles, Tedua, Rkomi, Dark Polo Gang e Enzo Dong. Siamo ancora agli albori del vicino successo mediatico che il Rap italiano sta per avere, si è accesa la miccia, ma ancora non è esploso nulla.

Pensateci, seppur con un Fabrique colmo in ogni suo centimetro quadrato, erano ancora i tempi in cui Ghali doveva uscire con “Ninna Ninna” e poi “Album”, quando la trilogia “Orange County” non si era ancora chiusa col capitolo “California”, erano i tempi in cui “The Dark Album” di Pyrex stava per essere droppato in freedownload. A parte Sfera Ebbasta, uscito con il suo omonimo album a Settembre, nessuno si era ancora affermato veramente come solista. Quel concertone dimostrava infatti l’opposto, perché quella sera sul palco non salirono tanto i singoli, quanto un movimento di amici e colleghi che si erano spinti a vicenda nei mesi passati.

Hip Hop Tv Feee con Ghali, Izi, Sfera Ebbasta, Charlie Charles, Tedua, Rkomi, Dark Polo Gang e Enzo DongPrima di quel Fabrique sold-out, ognuno aveva condiviso il proprio successo con l’altro, con l’idea di emergere tutti insieme. Sfera aveva ospitato Izi e Tedua nel video di “Mercedes Nero” e sempre Sfera aveva contribuito al battesimo del rapper di Cogoleto nella clip di “Lingerie”. In quel pezzo Tedua rappa “Roccia sto col Rkomi segna Calvairate, faccio un salto a Nord-Est che Ciny è ospitale”, annunciando l’imminente arrivo di Rkomi nella scena. Izi, che già col film Zeta aveva contribuito a spingere questa new generation ad un pubblico più ampio, collaborò poi con lo stesso Mirko in “Aereoplanini di carta”, consacrandolo in vista di “Dasein Sollen EP”.

E ancora la comparsa di Tedua nel video “Sempre Me” di Ghali, “Cavallini” della Dark Polo Gang in collaborazione con Sfera e lo stesso Triplo Sette che nell’estate 2016 scende a Scampia per girare “Aldilà” con Enzo Dong. Proprio in questa traccia, Wayne scrive una barra che racchiude al meglio quanto detto fin’ora:

Ho una canna d’erba da due grammi accesa
Passala a noi oppure passala a Sfera
Passala a IZI, a Rkomi oppure a Tedua
Da Roma a Napoli, da Milano a Genova

Ma questo forte legame, questa stretta connessione che va aldilà della musica, oltre ad essere un punto di forza, è anche il limite che il pubblico imputa a questi ragazzi. In molti si chiedono infatti quanto possa durare questa amicizia col crescente successo in arrivo, come sia possibile propsarsi a vicenda quando ci si contende la prima posizione in classifica. La risposta oggi sembra molto più nitida.

Tra il 2017 e il 2018 abbiamo assistito a tanti debutti discografici di questi artisti. Prima Ghali con “Album”, poi “Twins” della Dark Polo Gang, seguito a sua volta da “Io in Terra” di Rkomi e ancora “Mowgli” di Tedua. Uno degli aspetti che accomuna questi progetti è la mancanza di collaborazioni interne, quelle che erano state l’arma vincente per sfondare pochi anni prima. Ciò però non significa affatto la fine della connessione tra questi artisti, quanto più una voglia di affermarsi con le proprie forze, un’esigenza artistica volta anche a cercare una diversa risposta del pubblico. Del resto i social testimoniano tutt’ora questa amicizia, tra foto, storie e quant’altro.

A parte Enzo Dong, che debutterà a Settembre col suo primo progetto ufficiale, tutti hanno ormai fatto il loro esordio e si sono affermati nel migliore dei modi. Ognuno ha decretato il suo ruolo nella scena, ognuno ha fatto i suoi in-store a giro per lo stivale, le sue date sold-out nei club di tutta Italia: tutti hanno trovato la propria strada con le proprie gambe. Ma queste strade, prima annodate e ora più distese e rettilinee, sono destinate a curvare e incrociarsi di nuovo. Se la recente collaborazione dei record tra Ghali, Sfera e Charlie era solo un indizio, il piccolo spoiler del featuring inedito tra Rkomi e Tedua sembra portare proprio in questa direzione.

Quella schiera di ragazzi che detonò il Fabrique di Milano, sembra pronta a connettersi nuovamente, questa volta con tutta l’esperienza accumulata nei mesi passati. E allora, come è possibile propsarsi a vicenda quando ci si contende la prima posizione in classifica? Beh, la risposta ce l’ha data “Peace & Love”, stabile al numero uno in Top 50 dal giorno della sua uscita. E chissà che in questo senso, il nuovo album di Enzo Dong non ci riservi qualche sorpresa.

By Samuele Chiusano

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube.