Mentre il 2018 comincia piano piano ad esaurirsi, arriva il momento di dare uno sguardo indietro, a quello che è stato uno anno incredibile per il Rap italiano. La scena si è mostrata più in forma che mai, sfornando un numero impressionante di progetti ed attestando quanto sia eterogenea nel suo insieme, tra chi sono anni che bosseggia in questo campo e chi ha sorpreso tutti nonostante la giovane età. Proprio in tema di giovani, un nome che ha messo tutti d’accordo è quello di Quentin40. Il rapper romano ad oggi è una delle promesse più rosee della scena, un artista silenzioso che ha conquistato l’approvazione di colleghi, pubblico e addetti ai lavori.

Con "Giovan8", Quentin40 ha messo tutti d'accordoQuentin si fa notare nel 2017 assieme al collettivo Mitraglia Rec, nel quale è presente anche il produttore Dr. Cream, in egual modo artefice dei successi raggiunti ad oggi. Prima con “Thoiry” e poi con “Bomber ve”, Quentin e compagni dimostrano di saperci davvero fare, sfoggiando una proposta inedita per il panorama italiano e un contagiante flow spezzatino, ripreso poi da tanti artisti della scena. La scossa vera e propria arriva però con il remix firmato Achille Lauro, Boss Doms e Gemitaiz della stessa “Thoiry”. La traccia esce ad inizio 2018 e diventa subito un tormentone: lo slang proposto da Quentin spopola e in poco il singolo finisce in tutti i club d’Italia.

Un successo che tuttavia non condiziona il percorso di Quentin, che anzi da quel momento comincia a dare un taglio più introspettivo alla propria musica, vedi brani come “Giovane1”  e “Scusa ma”. D’altra parte, sia dalla gestione abbastanza spoglia dei social, che dalle apparizioni live sempre con tanto di cappuccio, il giovane romano sembra distaccarsi dal resto, emanando un alone di riservatezza e umiltà che incentrano l’attenzione solo e soltanto sul suo percorso artistico.

Recentemente Quentin è tornato in scena con un nuovo singolo, sempre su questo filone intrapreso nel dopo “Thoiry rmx”. Intitolato “Giovan8”, il brano mostra tutta la vena artistica del ragazzo, un tipo sulle sue capace di risuonare fortissimo con la propria musica. Quentin butta giù un testo sentito ed introspettivo, non mostrando però timidezza alcuna davanti al mic, dove rappa forte e volutamente sporco. La traccia ha un importante sapore di strada, la stessa strada di cui Quentin è portavoce. Nonostante la giovane età il ragazzo infatti ne ha da raccontare e i suoi testi pregni di cemento ne sono la prova. A contornare il tutto troviamo la strumentale di Dr. Cream, che da sola vale il prezzo del biglietto.

Tutto lascia ben sperare per il futuro di questo ragazzo, che nel quasi concluso 2018 ha messo tutti d’accordo, colleghi, pubblico e addetti ai lavori. Ma c’è da augurarsi che il prossimo anno cominci anche a far incazzare qualcuno, perché vorrà dire che sarà arrivato dove veramente merita di stare.

By Samuele Chiusano

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube.