Arrivati in un momento storico come questo, dove il Rap è sempre più standardizzato, l’arma vincente per molti artisti è la sperimentazione. Solo grazie a questa si può essere certi di portare un contenuto inedito e sempre fresco, riuscendo in rari casi a creare vere e proprie wave da cavalcare. In Italia, quest’anno, un gruppo che ha fatto della sperimentazione il suo punto forte è sicuramente la Bilogang.

Composta da G Pillola, Jack Out e Travis, la Bilogang nasce a cavallo tra Torino e Genova, dove i tre giovani artisti decidono di sviluppare assieme un nuovo concetto di musica. Il progetto inizia alla fine del 2017 quando Jack Out e G Pillola, entrambi nati e cresciuti nello Studio Ostile di Demo, droppano la traccia “Bilogang”.
Da subito si capisce la wave che questi ragazzi vogliono trasmettere: allegria e spensieratezza sono alla base del mood, con la parola “happy” che riecheggia in ogni brano. In “Cucù Settete”, primo pezzo dove si esibiscono tutti e tre assieme, può essere definito il manifesto di tutto questo.

In un periodo, come l’inizio del 2018, dove tutti gli artisti erano concentrati ad essere più street e più veri possibile, la Bilogang si spoglia di tutti i pregiudizi e le prese male del caso. Singolarmente o insieme, il gruppo lavora con intensità rimanendo legato in ogni brano alle proprie intenzioni: trasmettere vibrazioni positive, sdrammatizzare la pesantezza della scena.
G Pillola, Jack Out e Travis si sono dati molto da fare in quest’anno solare: il primo ha pubblicato svariati singoli, tutti fruibili sul canale YouTube “Bilogang” o sul profilo Spotify “G Pillola”. Proprio lui è stato il primo a portare la wave “happy”, successivamente trasmessa agli altri due compagni.
Jack Out, iperattivo, aggiunge al suo palmarès anche i brani su SoundCloud, dove sperimenta suoni più sad o che strizzano l’occhio al mondo Punk e Rock, ricevendo migliaia di riproduzioni. Inoltre il membro di Bilogang, in collaborazione con Radical, ha droppato su Spotify “No Sert Ep”, dove dimostra una libertà di espressione fuori dal comune, giocando con il mondo del sesso e della droga.
Infine Travis, dopo avere pubblicato singoli da solista sul canale YouTube di Studio Ostile, esce a Marzo con “Travis Scottex”, il primo progetto, all’interno del quale non possono certamente mancare i membri di Bilogang.

L’ultima fatica del gruppo è “Happy” che riassume a pieno la stravaganza (e una positiva strafottenza) degli artisti: in un funerale celebrato da Young Signorino i tre si alternano sulla base. Nel video vengono lasciate in una tomba armi da fuoco, mentre si parla di spensieratezza e gioia.
Bilogang è quindi una delle alternative più solide e più variegate del panorama italiano: Rap, Punk, Rock, non importa, la musica fatta dal gruppo suona più che bene e riesce a farti muovere la testa qualsiasi sia il tuo mondo d’appartenenza.

By Manuel Rabuzzi

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube.