È stato un 2018 strano quello di Laioung. Partito in quinta in quello già sembra un lontanissimo 2016, “il Leone” aveva ingranato un’ascesa che sembrava inarrestabile. Il progetto “Ave Cesare: Veni, Vidi, Vici” mostrava un artista completo, bravo a produrre quanto a rappare, capace di fabbricare hit da club come “Milano City Gang” o “Quello Che Voglio” ma anche brani più dolci e consapevoli come “Fuori (Je so’ pazz)” e “Vengo dal Basso” con Guè Pequeno.

Laioung era piombato sulla scena italiana con un carico di creatività e carisma importanti, supportato da tutti e con la promessa di collegare il bel paese a tutte le scene internazionali con la sua musica. Arriva la firma con Sony e il gruppo RRR MOB, formato dallo stesso Laioung, Hichy Bangz, Momoney e Isi Noice, fa il suo debutto con il disco “Nuovo Impero” nel 2017. L’album riscontra un buon successo (non al livello sperato) ma tra alti e bassi la parabola del rapper comincia ad inclinarsi.

Le crepe all’interno di RRR MOB si fanno sempre più pubbliche fino allo sfaldamento del gruppo e il relativo beef. Intanto Laioung continua a pubblicare musica, tra italiano e inglese, portando avanti più carriere parallele. Dalla reggaetoneraIn Discesa” ad “Iceberg” (brano in inglese con il modello e attore Alessandro Egger), il confuso 2018 del Giovane Leone si è concluso con un cambio di etichetta e la firma con Universal. Che dopo la rottura con i membri di RRR MOB e il cambio di etichetta sia tornato il momento di Laioung? Nel 2019 uno dei grandi quesiti è anche questo. Staremo a vedere.

By HHT

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube