Correva l’anno 2014, usciva “Non siamo più quelli di Mi fist” ultimo album dei Club Dogo, i quali in seguito si prenderanno una pausa che dura fino ai giorni nostri e che sembra durerà ancora per molto. Guè Pequeno ha recentemente affermato che i tre componenti del gruppo sono soddisfatti delle loro carriere da solisti e che un ritrovo, attualmente, sembra improbabile. Il Guercio è entrato in BHMG e si è affermato come uno dei pesi massimi della scena Rap italiana, Don Joe ha continuato a produrre beats di successo per mezza scena italiana e tirato su l’impero Dogozilla, ed infine arriviamo a Jake con qualche comparsa in TV, l’album “Fuori Da Qui“, la sua inedita versione reggaetonera e il suo devastante ritorno nel Rap Game con le ultime collaborazioni, tra cui la travolgente “Torcida” di Big Fish. Qualcosa è scattato in Jake, come una voglia di rimettere fortemente le mani in quello che è stato il suo mondo fino ad ora, il rapper milanese ha iniziato con il botto questo 2019, annunciando la formazione di una nuova etichetta discografica indipendente: Yalla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Yalla Movement (@yallamovement) in data:

Yalla Records, l’eredità di Jake porta questo nome. Infatti, insieme ad un grande amico e collaboratore, Big Fish, sembra che l’ex membro dei Dogo abbia le idee chiare. Non vi abbiamo convinto ancora? La prima e più rappresentativa artista di Yalla, sarà Chadia Rodriguez, rapper classe ’98 mezza spagnola e mezza marocchina, la quale ha appena rilasciato il suo primo progetto Avere vent’anniaffermandosi immediatamente come candidata alla corona di regina del Rap italiano. Il roster di Yalla non si ferma qui ma si estende ad altri volti emergenti del panorama: partendo da Naska, passando per Braco e Ame 2.0, arrivando fino ad Abe Kayn, che recentemente è uscito con una collaborazione con La Furia in “Non fa per me.

Una label appena nata, ma con le idee ben chiare perchè guidata da persone esperte, che nonostante appartengano ad un’altra era del nostro Rap game, puntano su artisti giovanissimi ed indubbiamente freschi.

Per noi Yalla Records rappresenta il riscatto, ma sopratutto, l’eredità di Jake la Furia.

By Vittorio Papaccio

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube