Abbiamo spesso parlato di Christian Revo come uno degli enfant prodige della nuova scena. Proveniente da Napoli, il giovane rapper è sempre stato considerato un grande talento all’interno del settore, ma mai definitivamente sbocciato. Dall’iconica “Toggiurfeat Ntò e prodotta da Yung Snapp (2016) a “TVB” (2018) è passato tempo e musica (tra cui il flusso di coscienza “Una Cos” in esclusiva sul nostro canale YouTube). Il nuovo anno potrebbe finalmente essere quello buono per la consacrazione di Revo e il suo stile unico, ancora mai realmente capito dall’Italia. In occasione dell’uscita del suo nuovo album “Talento Sprecato”, gli abbiamo chiesto di raccontarci la realizzazione del progetto. Un brano alla volta.

“Allora, voglio partire dal presupposto che io non scrivo mai, almeno mai secondo una tematica ben precisa, ma sono tutti pensieri scritti così come sono nella mia testa. Quindi sono consapevole che a volte la mia scrittura possa sembrare confusa, nuova, e la gente a volte ha paura di ciò che non capisce. Ma sembra che la gente stia iniziando a capire e questo mi riempie di gioia. Oggi sono qui per spiegarvi come sono nate le tracce di Talento Sprecato.

Invisibile”, difficile da dimenticare sia per me che per Mattia (Cinhaze) la notte in cui scrivemmo questo pezzo. A casa nostra in Belgio. Lui mi cantò il ritornello, io attaccai subito con la strofa. Era talmente forte a livello emozionale che ricordo ci prendevamo una pausa ogni 5 minuti e alla fine avevamo come un nodo in gola. Sensazione che ci lega e proviamo tutt’ora all’ascolto.

Si stai cu me”, pochissimi lo sanno, ma è una canzone che ha 2 anni. Fu registrata poco dopo la chiusura del progetto “Toggiur”. Ha subito vari cambiamenti insieme a Michele Sbam, ma alla fine è rimasta come in principio, per me è uno dei pezzi più significativi che abbia fatto.

Erba Olandese”, la scrissi quando ero in Belgio, mentre fumavo veramente erba Olandese in una casa che non era mia. Trovai un beat di Ricman nell’archivio del mio cellulare, mi uscì spontaneamente in italiano. Ammetto che ero titubante sulla cosa, ma quando al mio ritorno a Napoli la registrai ne rimasi parecchio sorpreso e decisi di inserirla nell’album.

A capa mi”, è stata registrata in un periodo veramente confuso per me. Stavo tornando dopo 9 mesi consecutivi in Belgio per la prima volta a Napoli. È il frutto di tutto il tempo passato e la voglia di farmi risentire, ricordo che andai ad una festa techno, tornai la mattina e lo stesso il pomeriggio io e Michele Sbam andammo in studio a chiuderla.

Nun tnimm paur e nient”, anche questa registrata qualche anno fa, rivisitata più volte. Infatti se sei uno che mi segue più maniacalmente, capirai che c’è più un vecchio me nelle parole e nel sound. Ma è una traccia a cui tenevo molto, quindi abbiamo deciso di inserire anche quest’ultima.

L’agg fatt”, con Franco Ricciardi. Per me Franco è la storia di Napoli, è stato un onore per me collaborare con lui. Tra le persone più vere che abbia conosciuto nella scena, l’ho conosciuto qualche anno fa quando avevo lo studio a Secondigliano, da allora mi ha sempre supportato. Avevo questo pezzo che secondo il mio parere era nelle sue corde, ho scritto questo ritornello e lui non ha esitato a farlo a suo modo. Il beat è di Nazo.

Pazz pazz”, anche questa registrata a Napoli. Direi quasi un freestyle, scritta e registrata al momento in studio, sul beat di Michele Sbam.

Vien cu me”, con Geolier. Ci siamo conosciuti veramente per caso. Non sapevo neanche mi conoscesse, si è dimostrato veramente serio e genuino, a differenza di quello che possano pensare gli altri. Gli dissi che stavo preparando un album e gli mandai la mia strofa sul beat di Nazo. Tempo 2 giorni mi arrivò anche la sua strofa, a mio parere tra le più belle che abbia fatto.

Egoist”, è anche questa tra le tracce a cui tengo di più dell’album. La registrai in contemporanea a “Pazz pazz”, anche questa sul beat di Michele Sbam.

Fum Kush”, il beat è di Ricman. Membro della Cookie Gang a tutti gli effetti. Abbiamo creduto in lui dal primo momento e viceversa. Questa l’ho registrata in Belgio, Anversa. In quel periodo ricordo venne a trovarci Michele Sbam e montammo un piccolo studio in una stanza della casa.

Teng na gang”, sul beat di Michele Sbam, fatto quasi insieme. Registrata al mio ritorno definitivo a Napoli qualche mese fa.

Zero”, è l’ultima traccia che ho registrato e che chiude l’album. Quella che più mi rappresenta, questa non ha bisogno di commenti. Parla da sola.

Ringrazio chiunque abbia collaborato, con una strofa, con un beat, con un consiglio. Chiunque ci abbia creduto e anche chi non l’ha fatto. Ringrazio in particolar modo Michele Sbam per avermi seguito in questo periodo difficile della mia vita dandomi modo di far diventare realtà la mia idea. Per tutte le notti passate in studio a curarci ogni minimo particolare fino all’ultimo giorno. E ringrazio anche Hiphoptender per credere in me veramente dal primo giorno. Cookie Gang p semp.”

Ascolta “Talento Sprecato”, il nuovo album di Christian Revo disponibile su tutte le piattaforme streaming.

By HHT & Christian Revo

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube