Abbiamo intervistato G. Nano, fuori ora con “Narco”

G. Nano è un rapper milanese classe ‘89. Proveniente da Quarto Oggiaro ha pubblicato nel corso degli anni una lunga serie di street hit e collaborato con artisti come Vacca, Nerone, Emis Killa e Laioung. Tra i pionieri della Trap milanese, nel 2018 pubblica l’EPKartello” in collaborazione con Cease La Flare ottenendo ottimi riscontri da parte di pubblico e settore. Nel 2019 pubblica il singolo “Mood” e compare in due brani di “Hyp3r” di Nerone. Recentemente ha annunciato il possibile arrivo di “Kartello 2”, il nuovo capitolo del progetto, atteso per questo anno. “Narco” è il suo nuovo singolo e il video è fuori ora in esclusiva sul canale YouTubeHIPHOPTENDER”.

  • Ciao G. Nano, in che momento della tua carriera ti senti? Qual è lo stato di forma?

Ciao Tenders, beh ormai sono molti anni che faccio Rap ma mi sento come se fossi ancora all’inizio. Sono in studio tutti i giorni e non sono mai stato così attivo come in questo periodo. Sto lavorando al mio disco e altri progetti top secret, credo di essere arrivato alla forma finale di G.Nano.

  • Raccontaci la realtà Trapoggiaro, che storia c’è dietro?

Trapoggiaro è un gioco di parole sul nome del quartiere dove sono cresciuto Quarto Oggiaro ma non è una cosa legata al quartiere è più uno stato mentale. Infatti di Quarto ci sono solo io (ride ndr), siamo sparsi un po’ ovunque fino in Repubblica Ceca. Il nome venne fuori in un pomeriggio di cazzeggio con un beat di Synthetic, uno dei fondatori ovviamente nonchè uno dei producer italiani più forti nel nostro genere. Il progetto è nato come Label per essere indipendenti poi siamo diventati una gang, il motto è T-Gang!

  • Qual è stato il processo creativo di “Narco”?

Io sono uno che si lascia trasportare dal beat e Curry sa cosa voglio. In questo caso mi ha trasmesso subito delle cose selvagge e quindi ho scritto immediatamente, poi sono andato in studio e ho fatto tutte le melodie quasi in freestyle. Non avevo in mente di fare questo pezzo, sai quando ti dai delle idee da rispettare poi perdi la freschezza, io vivo il momento.

  • Come sono andate le riprese del video?

Avevamo già le idee chiare poi se ne sono aggiunte mentre giravamo. Warez è stato fondamentale ci ha illuminati. Sono venuti un bel po’ di amici e di ragazzi del quartiere.
È stato divertente come sempre

  • Come hai conosciuto Matt Curry?

Matt Curry mi scrisse 5 anni fa su Fb dicendomi che aveva dei beat e quindi gli dissi di mandarmeli. Io avevo capito il suo talento quindi registrai subito una canzone per un mio mixtape, “KH vol2”. Abbiamo subito trovato il mood giusto siamo cresciuti quasi assieme artisticamente poi lui è un perfezionista, ne sono troppo orgoglioso.

  • Sei nel Rap Game da un po’ di tempo ormai, come valuti la scena milanese di oggi?

È stimolante, sono tutti forti. Sicuramente non c’è la cultura che c’era un tempo ma chi se ne frega io sono il primo a vivere in un mondo tutto suo.

  • Quali sono le tue influenze principali?

Sicuramente la scena di Atlanta e quella del Texas. I miei rapper preferiti sono Gucci Mane, 21 Savage, Soulja, Sauce Walka, 6lack, Splurge.

  • Un artista uscito sul nostro canale con cui faresti una hit e perchè.

Cease LaFlare perchè è fortissimo oltre a essere della T-Gang.

  • A che punto è Kartello 2?

Abbiamo talmente tante song che non sappiamo quali farvi ascoltare. È ancora in lavorazione vogliamo che sia una cosa unica nel suo genere come il primo.

  • Cosa dobbiamo aspettarci dal tuo 2019?

Se te lo dicessi sarei un folle (ride ndr). Ti consiglio di restare collegato sui miei social network ho intenzioni più che serie.

Segui HipHopTender su FacebookInstagram Youtube