Mike Lennon è ai più un nome nuovo. Ma i più attenti si ricorderanno di un ragazzo dai tratti asiatici che nel 2016 rappava in inglese sulle sue stesse basi e si faceva pure i video. Quel ragazzo sembrava un piccolo Travis Scott piombato sull’Italia per sbaglio. Sempre lui negli anni a venire produrrà beat per Maruego e collaborerà con nomi come Emis Killa, Guè e 2nd Roof, entrando in Carosello Records. Nel 2018 inizia un nuovo percorso con un concept unico che fonde il Rap in italiano allo stereotipo dell’asiatico in occidente. Il risultato è esplosivo e nel giro di pochi mesi Mike arriva persino in Tv. Lo abbiamo intervistato per chiedergli del suo percorso e delle sue scelte.

  • Ciao Mike! Ci eravamo accorti di te con “Lost Souls” e “100” nel 2016. Eri già evidentemente molto talentuoso, perchè secondo te non sei stato capito? E perchè hai smesso con l’inglese?

Non è ploblema di essele capito, è ploblema di fale cose a momento giusto, e non ho abbandonato niente, ho solo messo a stagionale.

  • Questo alter ego che hai creato era secondo l’unico modo per arrivare al grande pubblico? Quando hai sviluppato questa scelta?

Non è altelego, sono semple io ma con vestito divelso. I modi sono infiniti, ognuno sceglie quello che plefelisce.

  • Come si è intrecciato il tuo percorso con Carosello Records?

Conoscevo dilettole già da tempo. Uscito “Konichiwa” abbiamo capito che ela momento giusto pe lavolale insieme.

  • Sapevi di poter diventare virale con la tua nuova musica o ne hai preso atto col tempo? Come hai vissuto questa escalation?

Non so mai niente, so solo quando qualcosa mi fa sentile bene quando ascolto, e lavolando sodo lisultato plima o poi alliva, basta non allendelsi. E’ solo inizio.

  • Oltre alla musica hai pubblicato in questi mesi anche video di intrattenimento, con sketch, corsi di cucina e iniziative sui social. Quella dell’intrattenitore è una tua caratteristica innata o l’hai sviluppata? Ti vedi in futuro in tv o in un format video che non contempli la musica?

Si celto, la musica è solo una delle cose che vollei fale anche se è mio piu glande passione. Mi piacelebbe lecitale in qualche film o selie ma anche lavolale a plogetti di ambito divelso come design di auto pe esempio.

  • Quando e come hai creato l’EP “Asian”? Qual è il concept dietro al progetto?

Ho fatto “Asian EP” quasi un anno fa, il concept è fal vedele a mondo che non esiste solo steleotipo di asiatico che semple lavolale, che vende talocco, che non sa pallale bene, che è chiuso mentalmente e non si espone. Messaggio che vollei dale è che tuo successo/calliela no dipende da tuo lazza, o colole di pelle, tutti possono ambile a qualcosa, basta cledele davvelo.

  • Che feedback hai ricevuto dal settore e dal pubblico?

E’ difficile che mi capita di leggele commento negativo, oltle a intlattenimento, dentlo mie canzoni ci sono espelienze e stolie vele, e penso che chi liesce a vedele oltle appalenza può tlovale molto di piu.

  • Che sensazione hai provato quando ti sei visto su Studio Aperto?

Eskele di glanchio! Un anno fa pulivo melda che cadeva da sotto le macchine di fabblica!

  • Come hai conosciuto Renzo Stone e come avete trovato il sound giusto per i tuoi pezzi?

Lenzo Stone è flatello piu piccolo di Alessio Buso, mio fonico e amico di semple senza lui non salei quello che sono oggi. Non conosco nessuno che ha la lolo dedizione e disciplina ne fale musica, sono due veli modelli di ispilazione. Con Lenzo Stone lavoliamo insieme da tle anni ma ci conoscele da molto di più, c’è intesa tla di noi, penso che in tle anni non abbiamo mai dovuto discutele, ognuno ha stima leciploca di altlo e musica viene fuoli in maniela molto spontanea. Sono siculo che vedlete suo nome su ploduzioni impoltanti nel futulo. 

  • Quest’anno pubblicherai anche tracce senza il fattore “accento storpiato” o continuerai su questa linea anche nei prossimi lavori?

Quest’anno sto plendendo lezioni di italiano, spelo di miliolale mio plonuncia anche sopla beat.

  • Oltre ad essere un rapper sei riconosciuto come un ottimo producer. Hai già delle collaborazioni in serbo in questo senso? In che modo ti approcci alla creazione di beat?

C’è semple qualcosa di plonto dentlo mio pentola, non ho un apploccio palticolale, ogni blano nasce a modo suo. A volta da una nota vocale, da un campione, o da una melodia, dipende da momento.

  • Adesso che tutti stanno parlando di te, quali sono i tuoi intenti e gli obbiettivi in questo Rap Game italiano?

Voglio cleale una lealtà solida con mio team plendele nostlo livincita e poltale un sound e un immaginalio nuovo e unico. Quindi aspettatevi di tutto!

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify e SoundCloud