I 23.7 sono un collettivo leccese di giovani rapper che nell’ultimo anno e mezzo si è contraddistinto nella scena italiana. Il loro sound innovativo, la loro attitudine quasi punk e la violenza dei loro brani li hanno resi una sensation nella scena italiana. Con brani come “Dragonfly” e “Wassup” si stanno evolvendo su sonorità Metal Trap continuando la loro sperimentazione. In mezzo a tutto questo anche un dissing con il canale di gossip Social Boom e l’interesse di artisti internazionali. Abbiamo deciso di intervistarli per fare un punto della situazione.

  • Ciao ragazzi, a marzo è uscita “Dragonfly” e subito si è scatenato un botta e risposta con Social Boom. Come sono andate le cose?

Ciao raga! Beh, quello che è sembrato da fuori effettivamente è stato. Abbiamo preso di mira lui per prendere di mira questa nuova categoria del web che con la musica c’entra poco e lui ci ha risposto. Niente di più e niente di meno.

  • Con Fishball invece cosa è successo?

Con lei nulla. Ha solo fatto una storia dove palesemente ci insultava ma senza fare nomi. Ma non ci interessa, ci ha solo fatto molto ridere.

  • Come si è evoluto il vostro stile da “Oh My Plug” ad oggi?

Beh, il nostro stile da OMP in poi è stato in continua evoluzione. Abbiamo sempre mantenuto questa americanità che abbiamo nel sangue ma ricercando sempre sound e contesti diversi. Direi che siamo cresciuti tantissimo.

  • Come vi siete conosciuti e come siete diventati un collettivo?

Noi 23.7 ci conosciamo dalla tenerissima età ovvero 7/8 anni. Ankhay e Symon da sempre dato che sono cugini. Ma è stato dai 13 anni che abbiamo iniziato a stare sempre insieme e a scrivere i primi testi e registrare le prime cose.

  • Nell’ultimo anno siete stati tra le sensation del Rap italiano. Da cosa deriva questo secondo voi? Perchè la scena aveva bisogno dei 23.7?

Secondo noi se siamo considerati tra gli emergenti migliori del panorama è perché ci siamo sempre distinti dando al pubblico sound freschi ed innovativi e soprattutto non copiando nessuno. Perché la scena ha bisogno di 23.7? Perché credo nessuno lo faccia come noi.

  • Con chi pensate di poter avere una sintonia artistica? Avete delle collaborazioni in cantiere?

Una sintonia artistica al momento sinceramente non sapremmo, ma non significa che non esista nessuno. È che ci piace trovare la sintonia in maniera personale e se queste persone ci sono ma non le conosciamo, preferiamo non nominarle. Collaborazioni in cantiere qualcuna sì, ma non sappiamo dirti quando e se usciranno.

  • Vi hanno notato anche all’estero vero?

Sì, qualche piccolo contatto con la scena oltreoceano c’è stato, ad esempio con Zillakami. C’è qualcosina in cantiere (non con lui, magari!) ma al momento non possiamo fornire spoiler.

  • State portando la Metal Trap nella scena, perchè questa scelta? Secondo voi è una roba che rimarrà vostra o si accoderanno molti altri artisti?

La Metal Trap in realtà è sempre stata una nostra sfaccettatura (vedi “Oh My Gas“, gennaio 2018) e semplicemente con Dragonfly abbiamo cercato il sound perfetto per questa wave, per far capire alla gente che c’è chi è capace. Artisti che si accodano? Spero di no, non è per niente roba per tutti. Chiaro che qualcuno bravo uscirà, ma non diventerà mai un sound di prima tendenza per troppe ragioni.

  • In che stato di salute è la scena leccese? Che Hip Hop si respira nella vostra città?

La nostra città anni fa era nell’oblio. Grazie al nostro apporto molto cose sono cambiate e stanno cambiando, pensa che quando uscì OMP nessuno capì la traccia. Sei mesi dopo tutti i ragazzini stavano a fare canzoni con “Ghiaccio Ice Plug” e chi più ne ha più ne metta. Comunque si respira quello che si respira nelle province.

  • In questi giorni è uscita anche “Wassup”, come è nata la traccia?

Wassup” l’abbiamo prodotta anche prima di Dragonfly. Beh, è nata in studio senza una programmazione precisa. In tre ore abbiamo fatto beat, testi, rec mix e master. Wasgood, no?

  • Uscirà un vostro progetto quest’anno? Cosa devono aspettarsi i fan dal vostro 2019?

Non sappiamo e non vogliamo fare promesse. Sicuramente devono aspettarsi tanti drop e tanti sound diversi.

Ringraziamo i 23.7 per la disponibilità. Puoi ascoltare “Dragonfly” nella nostra playlist SpotifyHIPHOPTENDER NEW WAVE”.

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify e SoundCloud