Hell Raton è ad oggi tra i più importanti esponenti della cultura Urban italiana. Il rapper, manager e direttore artistico arrivò a Milano insieme a quel gruppo che da lì a poco sarebbe diventato per tutti l’impero Machete. Tra progetti musicali, gestione di artisti e mille iniziative, la sua figura si è evoluta nel corso degli anni fino a diventare l’attuale fulcro dei progetti targati Machete. Ultima tra le iniziative di questa realtà è il Machete Gaming, isola felice sull’applicazione Twitch che coinvolge appassionati di musica ma anche di videogiochi. Abbiamo deciso di intervistarlo per farci spiegare come è nata questa idea, a che punto sono i prossimi progetti Machete e quali sono i nuovi artisti che sta seguendo.

  • Come è nata l’idea del Machete Gaming?

Siamo tutti patiti di videogiochi e negli ultimi anni siamo entrati in contatto con varie realtà di questo mondo fino a quando abbiamo organizzato Mic Tyson con il supporto di Tom Clancy’s The Division 2 ottenendo numeri molto importanti con la diretta streaming sul canale TwitchMacheteTv“.

  • Come analizzi questa situazione in cui gaming, musica e intrattenimento si stanno sempre più intrecciando?

Gli incroci, di solito, sono interessanti e portano a qualcosa di nuovo. Noi in questo senso ci stiamo impegnando per dare vita a qualcosa di inedito.

  • Come è stato creare e gestire la serata all’Apollo?

È stata la presentazione ufficiale del progetto, che abbiamo ideato e organizzato con tempi abbastanza stretti. C’erano tutti i nostri artisti ma anche molti altri che avevamo invitato, oltre a ospiti della discografia, giornalisti e vari nostri fan. È stata una bella soddisfazione vedere tutto l’interesse cresciuto in così poco tempo intorno al progetto.

  • Durante la serata Machete Gaming abbiamo notato il giovane Twenti Fantasia. Come ci stai lavorando e che piani hai per lui?

Posso solo dire che tra i giovani talenti con cui sono venuto in contatto in questi anni, è uno di quelli che mi ha colpito di più. Stiamo collaborando, seguiteci.

  • Come si sviluppano gli appuntamenti live di Machete su Twitch? In che modo può essere utile questa piattaforma per gli artisti?

Iscrivendosi al canale MacheteTv si ricevono le notifiche delle nostre attività: stiamo studiando i format e questa piattaforma, dal mio punto di vista, crescerà sempre di più anche in Italia nei prossimi mesi.

  • Come si sta evolvendo il percorso dell’azienda Machete? Su quali nuovi progetti vi state concentrando?

Machete continua ad avere un team creativo che si rinnova costantemente. Ultimamente ci stiamo concentrando molto proprio su Machete Gaming ma chiaramente continuiamo a seguire tutta la parte musicale.

  • Quante persone lavorano ad oggi in Machete e come è organizzato il team e il lavoro?

Io e Slait, con la supervisione di Salmo, curiamo la parte artistica e creativa. Poi abbiamo due ragazze che seguono il booking, due grafici, vari addetti alla comunicazione (tra cui il nostro ufficio stampa interno), tre persone fisse al merchandising, più videomaker di riferimento con cui collaboriamo, responsabili delle produzioni e qualche stagista. Si fanno riunioni e si tirano fuori idee.

  • State cercando nuove figure professionali?

Più che cercarle, quando individuiamo qualcuno che ci sembra abbia talento e uno spirito vicino al nostro, proviamo a coinvolgerlo.

  • Quanto è stata importante la nascita della realtà cugina 333 Mob?

333 Mob è nata da Low Kidd e Slait e i risultati parlano per loro: uno su tutti è la continua crescita artistica e di popolarità di Lazza.

  • Come si sta evolvendo la tua figura professionale? Vuoi immagazzinare più skills possibili o ti stai specializzando in qualcosa?

Io sono CEO e direttore creativo di Machete, poi seguo il management insieme a Slait ma in parallelo a questo porto avanti i miei progetti musicali, da producer, rapper e, ultimamente, anche da dj. Mi piace stare nell’ambiente musicale con vari ruoli.

  • A che punto è il Machete Mixtape vol. 4? Che novità ci saranno all’interno?

No comment.

  • Avete già in programma nuovi episodi della saga?

Di nuovo no comment.

  • Ci saranno nuovi acquisti nel roster di artisti? Chi state visionando?

Come prima: quando qualcuno desta il nostro interesse, ci muoviamo.

Il mixtape di Slait sta arrivando, come state gestendo la strategia e la comunicazione del prodotto?

Questo dovreste chiederlo a lui.

  • Hai dei nuovi pezzi in cantiere o magari dei feat?

Lavoro sempre a pezzi nuovi ma spesso mi capita di non farli uscire subito perché sono un perfezionista e voglio sempre migliorarli.

  • Qual è stata la tua più grande e recente soddisfazione lavorativa?

Tra i più recenti, Mic Tyson, che è stato un successo sotto ogni punto di vista: sia l’evento sia la diretta streaming su Twitch sono andati molto bene grazie all’impegno di tutto il nostro team. Però mi vengono in mente tante altre cose e, tra le meno recenti, c’è la vittoria al Red Bull Culture Clash nel 2017 con il team Hellmuzik, di cui sono stato coach. E ci metto pure i viaggi in Africa, soddisfazione di altro tipo ma non meno importante.

  • Cosa consiglieresti a una persona che vuole lavorare in questo settore come addetto e non come artista?

Prima di tutto di trasferirsi a Milano.

Ringraziamo Hell Raton per la disponibilità.

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud