Napoli è senza dubbio una delle scene più calde e vive di tutta Italia. I vari Luchè, Ntò e Clementino hanno contribuito con decisione ad ispirare una lunga schiera di rapper che adesso si stanno facendo le ossa nel Rap Game, spesso con risultati ottimi. Come su ogni grande città di Rap, anche su Napoli abbiamo fatto nel corso del tempo un’opera di scouting sui giovani talenti, riempiendo il nostro taccuino. Tra questi figura da diversi mesi anche Eris Gacha, giovane artista che con brani come “P’te” e la recente “Stanott” (prodotta da Niko Beatz) sta raggiungendo grandi numeri. Abbiamo deciso così di intervistarlo per scoprire qualcosa in più di lui e del suo mondo.

  • Ciao Eris Gacha, quando e come hai iniziato a rappare?

È iniziato tutto in una camera, dove ci riunivamo tutti facendo musica, c’era chi suonava (qualsiasi strumento) e chi cantava, poi più avanti ho iniziato a scrivere qualcosa e da lì è nato Eris Gacha.

  • Quali sono le tue influenze?

Sono parecchio influenzato dalla musica francese e tutta la musica Pop e Soul internazionale.

  • Recentemente è uscito il tuo nuovo singolo “Stanott”. Come è nato e a chi è dedicato?

Stanott“, come tutti gli altri miei pezzi non è dedicata a nessuno. È stata una cosa improvvisa mentre ci divertivamo in studio da Niko e mentre ero vicino al microfono spontaneamente mi uscì “ma ch vuo ra ma?” e da lì decidemmo di creare un pezzo con questa frase.

  • Come hai conosciuto Niko Beatz e come avete trovato il sound giusto?

Ci siamo conosciuti su Instagram, ci scambiavamo complimenti, a lui piacevano i miei pezzi e a me piacevano le sue produzioni e da lì decidemmo di creare una collaborazione. C’è stata un’intesa inaspettata tra me e Niko già dal primo momento, lavorare in studio con lui è come viaggiare mentalmente, questo ci ha permesso di creare un sound spaziale.

  • Come sta reagendo il pubblico alla tua musica? Che tipo di riscontro percepisci?

Non mi aspettavo tutto questo calore da parte loro, stanno iniziando ad affezionarsi e a capire la musica che faccio, e questo mi fa molto piacere.

  • Qual è il brano a cui sei più legato ad oggi? E qual è secondo te il preferito dai tuoi fan?

Il brano a cui sono più legato è “Parlm”, e suppongo sia anche quello dei miei fan.

  • Come stanno andando i lavori sulla nuova musica? Stai facendo sessioni di studio?

Siamo chiusi tutti i giorni in studio a lavorare, per portare qualcosa di nuovo, e abbiamo anche molta roba da farvi ascoltare.

  • Come è composto il tuo team di lavoro?

Il mio team è composto da Niko, mio fratello Ricky Montana, e per quanto riguarda i video VimaFilm.

  • Ci sono molti giovani artisti napoletani che si stanno facendo sentire con idee e sound urati. Cosa ne pensi di questa nuova scena e del futuro di Napoli nell’Hip Hop italiano?

Attualmente la scena napoletana si sta facendo sentire molto anche in tutta Italia, sta alzando un livello assurdo.

  • Hai in cantiere delle collaborazioni?

Si ma non voglio svelarvi ancora nulla.

  • Quali sono gli obbiettivi del 2019? Uscirà un progetto?

Puntiamo a tantissimo obiettivi ogni giorno, per quanto riguarda il nuovo progetto, vi consiglio di rimanere connessi ma non vi svelerò niente.

Foto in copertina di: Luca Paparo

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud