Sulla carta d’identità di tha Supreme e Madame sotto la scritta “segni particolari” è possibile leggere “il nome d’arte è anche titolo di una traccia del disco di Marracash”.
Ebbene sì, all’interno di “Persona”, il nuovo disco di Marra, i due feat più giovani (rispettivamente classe ’01 e ’02) possono vantare la propria presenza in due pezzi che si intitolano con il loro nome. Mica una cosa da tutti i giorni.

Foto di tha Supreme

Domani uscirà il primo disco di tha Supreme e lui si presenta in gran forma nei giorni che ne precedono il lancio. Il progetto vanta una tracklist ricca di featuring con vari big della scena italiana (tra cui lo stesso Marracash) e un singolo già primo in classifica Spotify e tendenze Youtube. Il suo personaggio è uno dei più misteriosi di tutta la scena, si sanno veramente poche cose sul suo conto e proprio grazie ad un post del king del rap il popolo del web è riuscito a conoscere la sua faccia per la prima volta. Lui stesso, infatti, non posta mai foto che lo ritraggono e i suoi video sono animati da personaggi cartoon che lo ritraggono.

La traccia, che contiene anche il feat di Sfera Ebbasta, al momento è seconda in classifica in Italia (proprio dietro “Blun7 a swishland”) e ha raggiunto la 72esima posizione nella top 100 global di Spotify (già la seconda volta per il 2001, che era entrato in top 100 global con “Yoshi rmx“). È chiaramente la hit del disco e il ritornello di tha Supreme è un tormentone che entra in testa e non esce più, mentre la sua strofa riprende in pieno il suo stile unico.

Foto di Madame

Madame invece è una ragazza di Vicenza, ancora minorenne, che però ha tanto da dire e sa come dirlo. Il brano con lei è l’anima del disco ed è di un’introspezione che rende difficile credere che abbia solo 17 anni. Non avrà cagato a casa di Marra come Massimo Pericolo ma ci si è addormentata mentre lui era uscito a cena, e avendogli lasciato una strofa del genere di sicuro avrà dormito sogni tranquilli. Inoltre è l’unica collaborazione con una donna in “Persona”, a dimostrazione del fatto che anche in Italia sta nascendo un movimento urban femminile e lei è una degli esponenti principali.

La scelta di avere entrambi nel disco si può riassumere in una parola: lungimiranza. I due hanno tutta la carriera ancora davanti, eppure si sono già fatti notare a livello nazionale e non solo, anche perché non si finisce a caso all’interno dell’album più atteso dell’anno.

Cosa ne pensi di questa decisione di Marracash?

Ti piace il fatto che un rapper già affermato come lui dia spazio ai nuovi artisti nei propri album? Credi che siano stati all’altezza di questa occasione?

Scritto da Alberto Giocondo

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud