Nell’ultimo periodo non è inusuale che un artista dimostri di avere capacità sia come rapper che come producer. Non è scontato però che riesca a raggiungere ottimi livelli in entrambe le vesti come nel caso in questione.

Foto di Chakra
photo by @matteopedone_

Chakra, nome d’arte di Luca Ferraresi, è un rapper e producer classe 1996 originario di Milano e si prospetta un’artista da tenere d’occhio per gli anni a venire.
Si fa conoscere in giovane età grazie al suo canale Youtube dove pubblica gameplay, in seguito deciderà di aprire un ulteriore canale incentrato interamente sulla musica.
Dal 2017 al 2018 pubblica quasi per gioco dei brani autoprodotti, parliamo di: “Alette di pollo” in feat con Blur (contenent creator e suo amico) e “Demoni“, che contano complessivamente più di 900mila views su Youtube, ma soprattutto di “Resta” che conta più di 1milione di streams su Spotify.

Nel luglio del 2018 cura la produzione del singolo “Niente male RMX” di Zano (anche lui amico e streamer) realizzata in collaborazione con un big della scena rap come Madman. Il brano ha totalizzato oltre le 7milioni di riproduzioni su tutte le piattaforme.

I primi singoli ufficiali di Chakra risalgono però al 2019, a giugno viene pubblicato su Spotify il singolo “Chi lo sa” che totalizza più di 4milioni di riproduzioni. Successivamente viene pubblicato anche il rispettivo lyrics video su Youtube. A dicembre è la volta della traccia “Rallenty” che conta ad oggi più di 1milione di streams su Spotify.

Analizzando i brani è evidente come l’artista presti molta attenzione alla loro musicalità. Infatti già dal primo ascolto si nota un approccio ad uno stile più melodioso e armonico che tende a distaccarsi dagli schemi classici del rap.
Del mondo trap vengono riprese le sonorità ma non di certo le tematiche. I temi di strada che sono soliti contraddistinguere il genere vengono accantonati per lasciare spazio ad un immaginario ed un viaggio più personale.
Un ulteriore punto di forza di Chakra è, come accennato in precedenza, la sua indubbia capacità come producer. È in grado di realizzare beat con dei suoni semplici ma ben amalgamati tra loro. Questo rende la base molto incisiva e tende a valorizzare la melodia in modo che catturi fin da subito l’orecchio dell’ascoltatore.
Questa qualità, abbinata al talento, gli ha permesso di produrre dopo meno di un anno dal suo ingresso ufficiale nella scena ben tre singoli all’interno dell’album del rapper AnastasioAtto Zero” uscito nel febbraio del 2020.
Oltre alla produzione di beat si dedica periodicamente alla creazione di drum kit acquistabili sul suo sito composti da suoni creati dall’artista stesso.

Chakra dimostra un grande attenzione al rapporto con il suo pubblico. Oltre ad aver pubblicato su YouTube il making of dei beat dei suoi singoli ufficiali è in live quasi ogni giorno sul suo canale Twitch (supChakra).
Lì oltre ad ascoltare musica realizzata da chi lo segue crea beat riuscendo ad ospitare anche producer come Nardi, segno di stima da parte dei colleghi.

Leggi anche “Shiva ha due nuovi singoli pronti”.

Cosa possiamo aspettarci dalle prossime uscite di Chakra? Riuscirà ad affermarsi ad alti livelli sia come rapper che come producer?

Scritto da Mariano Fasulo.

Ph copertina: @matteopedone_

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud