Premettendo che probabilmente non salveranno il rap italiano e non saranno neanche mai premiati come “lyricist of the year”, Ski e Wok sono indubbiamente tra le novità più curiose degli ultimi mesi. La loro immagine forte e colorata attira sicuramente l’attenzione e rischia, per alcuni, di deviare l’attenzione dalla musica ma questa va presa come un elemento di un prodotto a 360 gradi.

La coppia più strana degli ultimi tempi è facilmente memorabile: uno magrissimo e alto, l’altro più basso e in carne, entrambi con le treccine colorate e i denti scintillanti di grills dorati. Nel giro di un anno sono passati da semi sconosciuti a nuove star del trap game, con un percorso veloce e in ascesa. La parentesi breve ma fortunata insieme a Gallagher ha partorito la forte “SuWoo” con video e una lista di leak pubblicati su YouTube che testimoniano l’esistenza di un mixtape del trio alla fine abortito.

Con un video dopo l’altro i due hanno imposto la propria estetica, ma soprattutto il loro slang, tanto limitato quanto fortemente catchy. “I bimbi 99” stanno su quel kilo, vogliono fare gli euro e hanno un ottimo rapporto con la lean. Se pur il lessico, così come gli argomenti non siano vastissimi, quello che c’è funziona e gira molto bene.

Ski e Wok sono un prodotto fresco, leggero, divertente e alla fina dei conti suona più sperimentale e internazionale di quanto un occhio pigro possa pensare. Lo slang è riconoscibile, i ritornelli entrano in testa, l’immaginario piace. È intrattenimento puro e i loro numeri lo confermano. Da “9su9su9” ad oggi i due hanno impilato centinaia di migliaia di visualizzazioni e streams.

Degna di nota è anche la sperimentazione sulle voci, opposte e conciliate, nasale e grottesca quella di Ski, più alta quella di Wok. Vogliono divertire, suonare freschi, usare al meglio il loro immaginario e le loro voci, diffondendo il loro linguaggio, creando una wave nel gioco della trap italiana. Le ultime “Ronaldinho” e “Poppin Poppin” suonano come due hit, è stanno macinando i numeri da tali. Adesso staremo a vedere se daranno seguito a questo hype e se/quando pubblicheranno il primo album ufficiale.

Leggi anche “Dark Boys Club: dall’album al merch”

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud