Nel mondo musicale non è sempre facile raggiungere alti livelli in breve tempo. È il caso dei Thelonious B. che solo nell’ultimo periodo sembra abbiano trovato la strada giusta per il successo.

I Thelonious B. sono un collettivo artistico romano composto dal rapper e videomaker THB Brown, dal rapper THB Kirua, dal produttore BRBK e dal grafico Zomby Roger.
Iniziano a farsi conoscere nel 2013 come Doc e Brown pubblicando il mixtapeGrinder Shit Vol. 1“. In seguito realizzeranno altri progetti senza grandi riscontri come “Mood“, un progetto di 14 brani disponibile in free download su SoundCloud nel 2017.

Dal 2018 però la ruota sembra girare diversamente. L’uscita dei singoli “Polo Sport” e “Drxga“, che attualmente contano complessivamente più di 600mila streams su Spotify, cominciano ad aumentare l’attenzione attorno ai Thelonious B.
Nel giugno dello stesso anno viene pubblicato il loro album d’esordio “Soso“. Il progetto contiene 12 tracce tra cui il singolo “Polo Sport” pubblicato mesi prima.

L’interesse cresce gradualmente e nell’anno successivo il collettivo romano realizza la traccia “Lobby” in collaborazione con Daytona KK e Radical. Il singolo raggiunge più di 2milioni di riproduzioni su Spotify e il rispettivo video su YouTube supera il milione di visualizzazioni.

È nel 2020 però che il nome dei Thelonious B. comincia ad essere definitivamente sulla bocca di tutti. Infatti in quest’anno i brani “On Gang” e “Polka“, quest’ultimo in feat con Rosa Chemical, totalizzano grandi numeri con più di 7milioni di streams complessivi su Spotify.

I Thelonious B, per loro stessa ammissione, sono considerati come un collettivo post-trap. Questo è sicuramente condivisibile poiché il loro sound è caratterizzato dalla fusione di sonorità trap con sonorità di altri generi musicali come punk o metal.

Ciò fa si che le produzioni dei loro brani non risultino mai banali o simili ad altre all’orecchio dell’ascoltatore. Nelle varie tracce è possibile notare come ci sia una buona diversificazione tra i vari beat. Essi risultano essere elemento principale andando a valorizzare maggiormente soprattutto flow e slang.

Già da un primo ascolto è evidente la loro indubbia qualità nel realizzare hit. Ritornelli catchy, metriche innovative e incalzanti unite ad un sound sempre fresco sono alcuni degli elementi che caratterizzano il gruppo romano.

Il loro nome è ormai sempre più sulla bocca di coloro che masticano e ascoltano rap. In più da un po’ di tempo il collettivo rientra nella lobby che è venuta a crearsi attorno al rapper Daytona KK. Ciò ha fatto sì che il loro nome cominciasse a circolare ancora di più nel mondo rap fino ad acquisire l’hype che lo circonda ora.

La scalata per arrivare al successo è appena iniziata per i Thelonious B. ma ad oggi si può sicuramente ritenere che siano sulla giusta strada. Dal loro debutto nel lontano 2013 sono passati parecchi anni e finalmente sembra che siano riusciti ad imboccare il sentiero che può portarli ad essere ritenuti una figura di spicco nel mondo dell’hip hop italiano. In un futuro prossimo ci si aspetta da loro che possano alzare ulteriormente l’asticella. Magari potrebbe accadere con l’uscita di un nuovo album che possa alzarla ancora di più. Intanto oggi è uscito il loro nuovo singolo “QG” disponibile su tutte le piattaforme. Questo potrebbe essere un nuovo importante tassello che si va ad aggiungere ad un percorso già ben delineato.

In un periodo storico dove vengono riproposti nuovamente i collettivi musicali è possibile ritenere i Thelonious B. uno dei gruppi più validi nel rap italiano? Cosa è lecito aspettarsi da loro in questo 2020? Fatecelo sapere nei commenti.

Leggi anche “Cosa dobbiamo pensare di Ski & Wok?”

Scritto da Mariano Fasulo.

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud