Nel periodo successivo all’emergenza Covid19 sono stati molti i progetti musicali annunciati o già rilasciati. Tra questi figura il nuovo album di Rosa Chemical intitolato “Forever“.

Rosa Chemical, nome d’arte di Manuel Franco Roncati, è un rapper classe 1998 nato in provincia di Torino. La sua carriera artistica inizia nel 2018 con la pubblicazione del brano “Kournikova“.
Successivamente inizia una collaborazione con il producer Greg Willen. Il duo realizza il brano “Rovesciata” e soprattutto un EP dal titolo “Okay Okay !!“. Il progetto, composto da 7 tracce, ottiene un buon riscontro tra il pubblico e tra gli addetti ai lavori.
A dare maggior risonanza all’EP è sicuramente il brano “CEO” in collaborazione con Taxi B che conta quasi 500mila visualizzazioni su YouTube.

Nel corso del 2019 vengono pubblicati nuovi brani su Spotify come “Facciamolo” e “Fatass” che totalizzano buoni numeri.
È nell’anno seguente che il nome di Rosa Chemical comincia ad affermarsi. A marzo è il momento del singolo “Polka” in feat con i Thelonious B. che ha totalizzato più di 4milioni di streams su Spotify. Bisogna invece attendere il 29 maggio per l’uscita del suo primo album ufficiale “Forever“.

Il progetto contiene 13 brani tra cui spiccano gli estratti “Polka” e “Boheme“. Quest’ultimo è stato pubblicato pochi giorni prima del rilascio del disco. In totale conta al momento più di 290mila visualizzazioni su YouTube.

Nell’album sono presenti vari featuring oltre ai Thelonious B., nella già citata “Polka“, parliamo di Dani Faiv, Rkomi, Wayne Santana e Boro Boro.
La realizzazione della maggior parte dei beat è affidata a B Dope, producer fidato di Rosa Chemical con cui collabora già dallo scorso anno.

Forever” si presenta come un progetto su cui soffermarsi attentamente per realizzare una corretta analisi. Questo è dato dal fatto che molte sfumature vengono notate solo dopo vari e ripetuti ascolti.
Ciò che si nota immediatamente, però, è che Rosa Chemical ha realizzato appositamente un album difficile da etichettare. Pervade sicuramente il suo stile stravagante ed esuberante con un filo conduttore diretto all’ambito della sessualità che da sempre è trattato dall’artista. Rosa esce fuori dagli schemi classici del rap game andandosi ad emancipare in un ambiente prettamente tendente alla figura di uomo alfa. Ciò accade sia a livello di testi e titolo delle tracce (basti pensare al brano “Nuovi Gay” che vede appositamente un titolo provocatorio) ma anche come immaginario che l’artista è riuscito a creare attorno a sé.

Musicalmente parlando l’album presenta vari tipi di sonorità e ciò lo rende eterogeneo. Nel linguaggio di Rosa Chemical notiamo un diverso tipo di slang a seconda del mood della traccia. I brani tendono a differenziarsi tra loro sia come tematiche che come musicalità. Difatti sono alternate canzoni che mirano ad essere hit e altre con uno stile più conscious.

Il fatto che Rosa Chemical sia un artista eclettico è sicuramente un dato di fatto. L’uscita dell’album rappresenta un primo tassello verso un percorso che sancisce la rottura degli schemi e delle barriere della società riproposte in musica. Non ha paura di esporsi e di mostrarsi per ciò che è e può essere sicuramente uno sprono per tante persone che si rispecchiano nel suo personaggio. Rappresenta di sicuro una novità piacevole nel panorama musicale italiano. Riesce ad abbinare ad ottime capacità tecniche un’idea di innovazione nel genere che può essere vista quasi come una sorte di ribellione.

È lecito aspettarsi che il ragazzo possa col tempo approfondire ancora di più le tematiche già affrontate nel disco ed acquisire sempre più fama all’interno della scena.
È possibile considerare “Forever” uno dei migliori album al momento usciti nel 2020? Può essere ritenuto un progetto che va al di là del solo ambito musicale?

Leggi anche “La nuova avanguardia del rap milanese”

Scritto da Mariano Fasulo.

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud