Inutile nasconderlo, il rap in Italia rappresenta il nuovo pop. Negli ultimi anni abbiamo osservato una crescita esponenziale a livello di numeri, merito sicuramente di Sfera Ebbasta e altri esponenti della nuova scena. Dal 2017 al 2020 secondo Spotify il consumo di musica rap in Italia è aumentato del 40%. Sono tutti dati che mostrano il completo dominio di un genere che, fino a pochi anni fa, era considerato di nicchia. Inoltre, la grande espansione di questo genere ha portato Spotify a cambiare il nome della playlist più famosa di rap italiano “Rap Italia: Battle Royale”. Il nuovo titolo è “Plus Ultra”, che dà un fascino più internazionale mettendo insieme suoni della nuova e vecchia scuola.

Basta guardare le classifiche FIMI dell’ultima settimana per rendersi conto del dominio dell’hip hop italiano. Al primo posto, infatti, troviamo Achille Lauro con “1990” e a seguire “Mr. Fini di Guè e J di Lazza. Uscendo dal podio troviamo al quarto e al quinto posto i grandi amici Ernia e Tedua, con Gemelli e Vita Vera Mixtape. Insomma è abbastanza chiaro che questo periodo sia davvero vigoroso per l’ambiente Urban. Ma come ci si spiega questo progresso continuo?

Intanto ecco una lista delle 10 canzoni rap più riprodotte tra il 2017 e il 2020:

– Capo Plaza, DrefGold, Sfera Ebbasta – Tesla (feat. Sfera Ebbasta & DrefGold)
– Tha Supreme – blun7 a swishland
– Coez, Gemitaiz – Davide (feat. Coez)
– Salmo – 90MIN
– Quavo, Sfera Ebbasta – Cupido (feat. Quavo)
– Vegas Jones – Malibu
– Boro Boro, Don Joe, MamboLosco – Lento
– Dani Faiv, Fabri Fibra, MACHETE, Tha Supreme- YOSHI (feat. Fabri Fibra) – prod. Strage
– Sfera Ebbasta – Rockstar
– Charlie Charles, Ghali, Sfera Ebbasta – Peace & Love

È evidente che l’intromissione della trap nel panorama musicale abbia portato una ventata di aria fresca in Italia, facendola volare inaspettatamente nelle classifiche. Questo tipo di musica ha poi condotto all’interessamento di una fetta di pubblico quasi mai coinvolta dal rap, i ragazzini. Grazie a questo exploit il genere è arrivato dove più meritava, ma l’espansione non è ancora finita. Ci si aspetta, infatti, una grande crescita anche a livello internazionale, dove sono in due o tre nazioni a dar filo da torcere per il trono di massima potenza europea.

Leggi anche “Il 2020 è l’anno di Bresh?”

Scritto da Moreno Famularo

Segui HipHopTender su InstagramFacebookYoutubeSpotify SoundCloud